Bollette luce e gas per le aziende: come risparmiare?

Consigli pratici per ridurre i consumi energetici

Scritto da Redazione Moods Energy il 10 Maggio 2021 / Affidabilità Moods

Il tema del risparmio energetico è di primaria importanza non solo nell’ambito familiare e residenziale, ma anche per le piccole e medie imprese fino alle grandi aziende energivore. Tutti sanno che il fabbisogno energetico di un’azienda è diverso da quello di una famiglia, anche se si tratta di una piccola attività, di un ufficio, un supermercato o un condominio. Contenere i costi delle bollette aziendali è importante soprattutto per calmierare il peso che hanno quest’ultime sul bilancio, ma anche per garantire una maggiore ecosostenibilità in termini di impatto ambientale.

Per questo, è importante mettere in atto alcuni piccoli accorgimenti che consentono di risparmiare energia elettrica, dato che il 35% della bolletta si compone proprio del costo della materia prima. Riscaldamento, aria condizionata, sistema di illuminazione e l’uso di computer e dispositivi d’ufficio possono far lievitare i consumi di un’azienda incidendo pesantemente sulle bollette. Per ottimizzare i consumi è indispensabile mettere in atto un piano di efficientamento dei consumi e tagliare così gli sprechi.

Selezionare le migliori tariffe business

Tra i vari parametri da vagliare per scegliere una tariffa aziendale ad hoc a seconda delle esigenze, uno dei principali è il prezzo. Può essere fisso o variabile.

Qual è la differenza?

Il prezzo fisso per offerte energia elettrica business non può subire variazioni nel tempo, in base alle condizioni contrattuali. Lo stesso discorso vale per le offerte gas business a prezzo fisso. Il fornitore si impegna a tenerlo ‘fermo’ (ad esempio per 12 o 24 mesi) e così l’utente avrà maggiore certezze sull’importo delle bollette.

Il prezzo variabile, la parola stessa lo dice, può risentire di una serie di variazioni in base all’andamento del mercato e, in particolare, di un indice di riferimento. Per la luce ad esempio occorre considerare il cosiddetto PUN, ovvero il prezzo unico nazionale che varia ogni mese. 

Offerte green e su misura

Tra le proposte per una fornitura di energia aziendale ci sono le offerte green, basate su energia ricavata da fonti rinnovabili, interessanti per chi voglia prestare attenzione alla sostenibilità ambientale.

Accanto a queste troviamo i contratti che variano in base alla ‘taglia’ del nostro fabbisogno energetico. Si tratta di offerte che diventano sempre più vantaggiose all’aumentare dei kilowattora di luce o dei metri cubi di gas consumati. Il loro prezzo si riduce all’aumentare dei consumi. Esiste infine la possibilità, scelta molto spesso, di concordare prezzi ad hoc per la singola azienda con il fornitore.

Bonus fiscali e pagamenti elettronici

luce-e-gasLe spese per le fatture di luce e gas rappresentano costi fissi per un’azienda. Un buon consiglio di risparmio è pertanto informarsi sull’esistenza di eventuali agevolazioni fiscali nazionali, che consentano di risparmiare sulle bollette. Può essere utile, inoltre, prestare attenzione alle modalità di fatturazione delle bollette. Ad esempio, optare per la domiciliazione bancaria delle fatture e l’invio della bolletta solo in formato elettronico aumenta il margine di risparmio.
Queste soluzioni, inoltre, agevolano i pagamenti: con la domiciliazione il costo delle bollette di luce e gas viene addebitato direttamente sul nostro conto corrente o su una carta di credito, risparmiando la fastidiosa incombenza di dover versare materialmente le somme dovute a ogni scadenza. Ricevere la fattura in formato elettronico, anziché cartaceo, aiuta l’ambiente, evitando lo spreco di carta, e anche la nostra tasca.

Monoraria e bioraria: cosa cambia?

Nella scelta della tariffa luce migliore è importante considerare che spesso i prezzi variano in base all’orario di utilizzo dell’energia. Le aziende la cui attività è concentrata durante le ore diurne dovrebbero optare ad esempio per una tariffa dell’elettricità monoraria, il cui prezzo è uguale nel corso della giornata.

Se invece i consumi di elettricità sono concentrati principalmente di sera o durante il weekend sarà più conveniente sottoscrivere una tariffa bioraria. Le tariffe biorarie dividono la giornata in fasce con prezzi diversi. In genere i costi si riducono alla sera e durante il weekend, mentre invece salgono nelle ore del giorno e nel corso della settimana.

Il mercato libero

A partire dal primo gennaio 2022 sarà obbligatorio il passaggio al mercato libero dell’energia e del gas naturale. Fino a quel momento si potrà stipulare un contratto aziendale luce nel mercato libero solo per le aziende collegate alla rete a bassa tensione con meno di 50 dipendenti e fatturato fino a 10 milioni di euro.

Per quanto riguarda il gas, invece, le piccole aziende sono già obbligate a scegliere un’offerta del mercato libero dal 2013. Per chi voglia cambiare fornitore si consigliano le tariffe dual fuel, più economiche e in grado di garantire una fornitura congiunta di luce e gas con la stessa azienda.

 

Consigli pratici per ridurre i consumi

Il modo migliore per garantire il risparmio energetico in azienda e ridurre i consumi in ufficio è una gestione intelligente di impianti e dispositivi che consenta di ottimizzarne l’uso garantendo una riduzione delle spese.
Ecco 5 consigli utili da mettere subito in pratica a lavoro per ridurre i consumi e risparmiare energia in azienda.

1. Accendi le luci solo se necessario
Per risparmiare energia in ufficio impegnati ad utilizzare la luce artificiale solo se realmente necessario, riducendo la luminosità al minimo per ridurre i consumi mentre lavori. Nei fine settimana, di notte o nelle aree poco frequentate dello stabile assicurati di spegnere le luci e installa sensori di presenza nelle aree comuni o utilizzate saltuariamente per permetterne l’accensione soltanto quando qualcuno entra nella stanza.

2. Scegli lampade a Led (relamping)
Sostituire le lampade tradizionali con quelle a risparmio energetico come i Led, ti assicurerà una netta riduzione della spesa energetica per l’illuminazione. Le lampade a Led, oltre ad avere una maggiore durata rispetto a quella ad incandescenza, consumano meno energia e consentono un’efficace illuminazione sia delle stanze interne che di aree esterne.

3. Regola correttamente la temperatura interna
Per risparmiare energia in ufficio è indispensabile ottimizzare l’uso del climatizzatore e dei sistemi di riscaldamento regolando adeguatamente la temperatura. Abbassare la temperatura di un solo grado assicura, infatti, un risparmio energetico pari al 6%. Per ridurre il consumo di energia è consigliabile mantenere la temperatura interna mai al di sotto dei 25°C d’estate e intorno ai 18°C d’inverno, mentre la differenza tra l’interno e l’esterno dovrà essere intorno ai 6°.

4. Investi nella domotica
Per risparmiare energia in ufficio è indispensabile ridurre gli sprechi ma soprattutto investire in sistemi di efficientamento della gestione, come gli impianti domotici. L’uso della domotica per la gestione di apparecchi e sistemi di illuminazione e riscaldamento assicura una netta semplificazione d’uso degli stessi e garantisce un elevato risparmio energetico.

5. Installa un impianto fotovoltaico
Per ridurre notevolmente i consumi in azienda è consigliabile installare un impianto fotovoltaico industriale, che, oltre a ridurre le emissioni dei gas serra e di anidride carbonica nell’atmosfera, permette di auto produrre l’energia per alimentare i sistemi di illuminazione o ricaricare i veicoli industriali. La netta riduzione delle spese in bolletta consentirà di recuperare i costi iniziali dell’investimento.

Riuscire a risparmiare sulle bollette di luce e gas non è sempre facile, soprattutto quando si parla di grossi impianti produttivi, grandi realtà commerciali e quando i consumi sono nettamente superiori rispetto a quelli di una comune abitazione. In questi casi, non sempre il personale interno è in grado di garantire un risparmio aziendale efficace, poiché non conosce nel dettaglio tutti gli operatori, non possiede magari una piena consapevolezza delle leggi del settore e non ha, in generale, gli strumenti per trovare il giusto compromesso tra bisogni, qualità del servizio e prezzi.

Moods Energy mette a disposizione di ogni cliente professionisti altamente qualificati, sempre aggiornati e in grado di guidare verso le esigenze e ai reali bisogni di ogni attività.

Richiedere una consulenza energetica per aziende è un atto di responsabilità e un passo indispensabile per garantire alla propria realtà produttiva o commerciale un maggiore benessere.


Scritto da Redazione Moods Energy il 10 Maggio 2021 alle ore 09:05 / Affidabilità Moods

Sappiamo come aiutarti.
Scrivici!

Inserisci qui i tuoi dati, ti ricontatteremo presto.